CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Manuel Delia
Minacce 23 Set 2021

Malta, Manuel Delia costretto a lasciare il Paese: «Clima pesante, sarei irresponsabile se non avessi paura»

Alla vigilia del quarto anniversario dell'uccisione di Daphne Caruana Galizia, Fabiana Pacella ha intervistato per articolo21.org il collega che proprio all'indomani dell'omicidio ha deciso di raccoglierne il testimone. Tanto è cambiato, ma «per certi versi, il pericolo è maggiore», spiega.

Alla vigilia del quarto anniversario dall'uccisione della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia, Fabiana Pacella ha intervistato per articolo21.org il collega Manuel Delia, che all'indomani dell'omicidio della reporter ha deciso di raccoglierne il testimone.

Ecco di seguito un estratto della lunga intervista (il testo integrale è disponibile a questo link).

Si avvicina l'anniversario dell'uccisione di Daphne, da allora ad oggi, cosa è cambiato a Malta per l'informazione e per la stampa?
«Viviamo in un paese in cui una giornalista è stata uccisa a causa del suo lavoro. Questo ha cambiato tutto. All'inizio erano solo la sua famiglia e i suoi sostenitori a dirlo. Quest'anno anche un'inchiesta pubblica indipendente coordinata da 3 giudici nominati dall'allora primo ministro Joseph Muscat ha pubblicato le proprie conclusioni. Hanno ritenuto Joseph Muscat ei suoi ministri responsabili del clima di impunità che ha permesso l'uccisione di Daphne Caruana Galizia. Lo Stato maltese ha ritenuto lo Stato maltese responsabile dell'uccisione di una giornalista!
L'inchiesta ha anche scoperto che la polizia non ha protetto Daphne. Non avevano un sistema adeguato di monitoraggio della sicurezza dei giornalisti. Ha trovato giornalisti esposti alla minaccia e talvolta all'azione di cause legali rovinose volte a farli tacere. Hanno trovato i media maltesi in difficoltà finanziarie e permeabili alla manipolazione e spesso al controllo del governo.
Quando Daphne fu uccisa, i suoi assassini volevano seppellire i loro segreti con lei. Invece, i loro segreti sono stati svelati. Questo ha mostrato a tutti che uccidere un giornalista è un cattivo modo per sbarazzarsi delle loro storie. Ma quei ministri che l'inchiesta ha ritenuto responsabili di aver permesso l'uccisione di Daphne sono ancora ministri del governo adesso. La corruzione è ancora diffusa e la giustizia per le storie di Daphne è ancora molto lontana. Il pericolo è ancora lì. Per certi versi, il pericolo è maggiore».

Che clima vivono i colleghi e quali rischi ci sono per la democrazia?
«Per i giornalisti che fanno pressione sulla criminalità organizzata e sulla corruzione, qui le cose possono diventare difficili. Oltre alla bassa retribuzione e all'insicurezza del lavoro, i bulli usano i tribunali o persino la minaccia di azioni legali per fermarci. Alcuni di noi sono stati citati in giudizio al di fuori di Malta da soggetti che usano Malta per i loro crimini ma che hanno accesso a risorse legali al di fuori di essa. È conveniente che i partiti politici, in particolare il partito di governo, ci screditino. Siamo spesso accusati di tradimento perpetrato parlando "male" di Malta al di fuori del Paese, proprio come starei facendo io in questa intervista con te. Il partito di governo usa la sua stazione televisiva per fornire quelle che chiamano "notizie", ma è davvero propaganda vecchio stile in cui i fatti sono distorti e talvolta fabbricati.
Più recentemente stiamo affrontando un attacco tecnologico anonimo, i nostri siti web e i nostri account di posta elettronica violati e mail false inviate col nostro nome che ci fanno sembrare pazzi, o addirittura di supporto ai criminali».

Che tipo di minacce percepisci?
«Sono minacciato dai criminali dentro e fuori il carcere. Più seriamente, sono minacciato dall'atmosfera di impunità in cui operano questi criminali. Sono abilitati da un partito politico al governo che esiste per perpetuare il proprio potere e gestisce la propria TV e i propri media per screditare persone come me. Se non devo essere creduto e se devo essere percepito come un nemico del popolo assetato di potere, allora sarò tagliato fuori dai miei lettori e dai cittadini che servo. Se sono isolato, sono in pericolo. Sarei irresponsabile se non avessi paura».

Chi ti aiuta davvero?
«Altri giornalisti. Molti nella nostra comunità qui hanno imparato lezioni importanti da quello che è successo a Daphne. Nel momento in cui i giornalisti indipendenti si sono resi conto di cosa mi stava succedendo, si sono fatti avanti. Hanno denunciato le minacce. Li hanno condannati. Hanno espresso solidarietà apertamente e pubblicamente. E hanno invitato il governo ad agire. Attivisti della società civile a Malta e all'estero che hanno intensificato la pressione sulle autorità affinché agiscano e non proseguano come se queste minacce fossero accettabili in una democrazia. Infatti, dopo molti giorni di ostinato silenzio, il primo ministro maltese Robert Abela ha descritto gli attacchi informatici come "inaccettabili in una democrazia". È stato uno sviluppo della faccenda molto gradito. Quanto alla polizia maltese, devo dire che le cose sono diverse rispetto agli anni prima e subito dopo l'assassinio di Daphne. Hanno mostrato interesse per il mio caso e spero che le loro indagini arrivino da qualche parte.
Il Centro europeo per la stampa e la libertà dei media (ECMPF) sta finanziando la mia difesa nel caso giudiziario in Bulgaria e mi stanno aiutando a trascorrere un po' di tempo fuori Malta in un posto sicuro fino a quando, si spera, le cose non andranno un po' meglio».

Cosa vedi davanti a te, nel tuo futuro?
«Forse è un po' facile dire che spero in giorni migliori. Ho figli e mi piacerebbe che crescessero in una società giusta con un senso di giusto e sbagliato. Potrei dire che lo sto facendo per loro e per il loro futuro, piuttosto che solo per il mio. Ma penso che la risposta debba essere più semplice. Lo sto facendo per il momento. Non sopporto l'ingiustizia di tutto ciò, che i truffatori la facciano franca con i loro crimini perché hanno potere, denaro e influenza, mentre il resto di noi è costretto a pagare per la loro avidità. Quindi, penso di essere meno motivato dal futuro di quanto non lo sia semplicemente da quanto mi faccia arrabbiare il presente. Non ho grandi illusioni di poter cambiare molto. Ma non potevo sopportare di non provare».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più