CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Una manifestazione a Roma contro le misure anti-Covid disposte dal governo (Foto: Ansa)
Minacce 09 Set 2021

No vax, giornalisti nel mirino dei violenti su Telegram: «Sono da fare fuori»

Otto persone indagate dalla Procura di Milano per istigazione a delinquere. Fnsi: «Quello che emerge dà la dimensione di quanto sia necessario e urgente che le autorità intervengano a tutela dei colleghi, in difesa della loro incolumità e del loro lavoro al servizio dei cittadini».

«Noi quando andiamo a Roma i primi che  dobbiamo colpire sono i giornalisti. Sono da fare fuori». È uno  dei messaggi scritti dagli otto membri di un gruppo Telegram indagati dalla Procura di Milano per istigazione a delinquere perché pianificavano sul social network un'azione violenta da commettere alla manifestazione no green pass in programma nella Capitale l'11 e il 12 settembre.

Secondo quanto riferito in questura, «per la stampa, ritenuta asservita al regime, avevano un vero e proprio odio». Gli altri bersagli da colpire erano le forze dell'ordine e i «Palazzi del potere» a cui contestano di portare avanti un «disegno di sistema del dominio».

Nel gruppo venivano progettate azioni violente da realizzare, anche con l'uso di armi, non solo a Roma. Dall'analisi dei messaggi pubblicati sulla chat è emerso che gli indagati, uno dei quali titolare di porto d'arma e già noto alle forze dell'ordine, oltre all'intenzione di partecipare in massa alla manifestazione di protesta nella Capitale, incitavano gli altri membri del gruppo a realizzare azioni violente nelle rispettive province di residenza contro non meglio precisati obiettivi istituzionali.

Inoltre le indagini, condotte dalla Digos e dalla Polizia Postale. hanno riscontrato l'effettiva intenzione di alcuni membri del gruppo di realizzare una "riunione preparatoria" in vista dell'appuntamento romano e di procurarsi armi bianche da utilizzare in quell'occasione. Perquisizioni sono scattate a Milano, Bergamo, Roma, Venezia, Padova e Reggio Emilia.

Per la Federazione nazionale della Stampa italiana, «quello che è emerso dalle indagini della procura di Milano dà la dimensione di quanto sia necessario e urgente che le autorità, come ha evidenziato anche la ministra Lamorgese nel corso dell'ultima riunione dell'Osservatorio sulle intimidazioni ai cronisti, intervengano a tutela dei giornalisti impegnati a raccontare quello che accade nelle piazze italiane, in difesa della loro incolumità e del loro lavoro al servizio del diritto dei cittadini ad essere informati».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più