CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Un momento dell'incontro nella redazione del Tirreno a Livorno (Foto: Dario Marzi)
Un momento dell'incontro nella redazione del Tirreno a Livorno (Foto: Dario Marzi)
Un momento dell'incontro nella redazione del Tirreno a Livorno (Foto: Dario Marzi)
Iniziative 19 Apr 2021

Minacce a Il Tirreno, Fnsi, Ast e Odg Toscana: «Ci costituiremo parti civili»

I rappresentanti della categoria in visita alla redazione di Livorno del quotidiano dopo gli ultimi gravi episodi di intimidazioni ai danni dei giornalisti, raccolti in un dossier che sarà presentato alla ministra Luciana Lamorgese. Giulietti: «Illuminare i colleghi 'sotto tiro'». Bartoli e Bennucci: «Tenere alta l'attenzione».

Federazione nazionale della Stampa italiana, Assostampa Toscana e Ordine dei giornalisti della Toscana hanno incontrato la redazione del quotidiano Il Tirreno, dopo l'ennesima gravissima minaccia ricevuta nei giorni scorsi dai giornalisti della testata. A portare la solidarietà sono stati Giuseppe Giulietti, presidente della Fnsi, Sandro Bennucci, presidente di Assostampa Toscana, Elisabetta Cosci, vicepresidente uscente del Consiglio nazionale dell'Ordine, e Carlo Bartoli, presidente di Odg Toscana: la delegazione ha incontrato il direttore Stefano Tamburini e i colleghi della redazione.

«Minacce e intimidazioni ai giornalisti sono inaccettabili e per questo propongo che Odg, Fnsi e Assostampa Toscana si costituiscano parte civile nei processi che verranno istruiti a seguito delle denunce presentate», ha esordito il presidente Giulietti, che ha anche sottolineato l'importanza di 'illuminare' le redazioni e i giornalisti oggetto di minacce, intimidazioni e violenze.

Nel corso dell'incontro è stato consegnato al presidente Giulietti un dossier sulle minacce e le intimidazioni nei confronti dei giornalisti del Tirreno. Il dossier sarà consegnato il prossimo 23 aprile alla ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese, in occasione della riunione dell'Osservatorio sulle minacce ai giornalisti, costituito presso il Viminale.

«C'è un caso Livorno e un caso Toscana: siamo preoccupati per l'intensificarsi abnorme di atti di questo genere», ha commentato Carlo Bartoli, presidente di Odg Toscana. «Il Tirreno – ha aggiunto – ha ricevuto più intimidazioni e minacce negli ultimi mesi che nei precedenti 144 anni di storia del quotidiano. Per questo è necessario tenere sempre alta l'attenzione e invito i giornalisti toscani a denunciare senza esitazione qualsiasi atto di minaccia, intimidazione, violenza».

Un invito ribadito anche dal presidente di Assostampa Toscana, Sandro Bennucci: «Capisco il disagio e la disperazione delle persone, ma non possono essere i giornalisti il bersaglio della rabbia popolare», ha osservato. «In Toscana dall'inizio del Covid tutte le testate hanno tenuto un comportamento assolutamente esemplare nel raccontare la reale situazione vissuta. Bisogna capire che i giornalisti fanno il loro mestiere: non è colpa loro se la realtà non è quella desiderata. Il sindacato è e sarà sempre a fianco dei colleghi che devono denunciare ogni tipo di minaccia o aggressione», ha concluso Bennucci.

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più