CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
La sede del Tirreno a Livorno
Minacce 17 Apr 2021

Livorno, Ast e Odg: «Nuova grave minaccia al Tirreno. Intervenga la ministra Lamorgese»

Come riportano sindacato e Ordine regionali, una voce anonima ha chiamato il giornale urlando: «Ora basta qui non se ne può più, se continuate vi si fa saltare in aria». Appello dei presidenti Sandro Bennucci e Carlo Bartoli: «Si garantisca ai colleghi di poter operare in sicurezza».

«Ennesima, grave minaccia ai giornalisti del Tirreno. Una voce anonima ha chiamato stamani, 17 aprile 2021, il centralino del giornale manifestando rabbia per la locandina nella quale si annunciava la riapertura delle attività economiche. "Ora basta – ha urlato la persona al telefono – qui non se ne può più, se continuate vi si fa saltare in aria"». Lo affermano il presidente Sandro Bennucci, con gli organismi dirigenti dell'Associazione Stampa Toscana, e il presidente Carlo Bartoli, con il Consiglio regionale dell'ordine dei giornalisti della Toscana, che, in una nota congiunta, «esprimono sconcerto e grande preoccupazione per l'incolumità di coloro che lavorano al Tirreno ma anche per tutti gli operatori dell'informazione in un momento di disagio gravissimo».

Ast e Odg rivolgono, ancora una volta, «l'appello al ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, già intervenuta direttamente in occasione di analoghe minacce, affinché si identifichi l'autore della telefonata e si garantisca ai colleghi di poter continuare ad operare in sicurezza nell'interesse dei cittadini ad essere informati».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più