CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Cpo-Fnsi 15 Mar 2006

Giornaliste e lavoratrici Rai aprono con l’azienda una “vertenza rosa” per le quote e non solo

Questo il risultato dell’incontro organizzato il 14 marzo a Viale Mazzini dalla Commissione Pari Opportunita’ Rai e Commissione Pari Opportunita’ Usigrai “Piu’ potere alle donne per cambiare la comunicazione”.

Questo il risultato dell’incontro organizzato il 14 marzo a Viale Mazzini dalla Commissione Pari Opportunita’ Rai e Commissione Pari Opportunita’ Usigrai “Piu’ potere alle donne per cambiare la comunicazione”.

Presenti all’incontro il presidente Claudio Petruccioli e i consiglieri di amministrazione Bianchi Clerici, Curzi e Rizzo Nervo oltre a rappresentanti degli enti locali, dei sindacati e della politica. Le lavoratrici Rai denunciano la rappresentazione ancora fortemente stereotipata della donna fornita dai notiziari e dai programmi del servizio pubblico e ritengono che questa rappresentazione distorta sia fortemente condizionata dal fatto che il potere nella piu' grande azienda culturale del paese resta, in grandissima parte, appannaggio degli uomini: i dati sulle carrieredimostrano quanto sia ancora scandalosamente irrisoria la presenza delle donne nei ruoli dirigenti. Lavoratrici e giornaliste della Rai chiedono quindi ai vertici che il riequilibrio di genere nei ruoli decisionali sia assunto come priorita' perche' anche cosi' si dia il segnale di un servizio pubblico riformato e che il principio del ''tante quanti'' unitamente a quello della competenza e dell'abbandono delle pratiche lottizzatorie, diventi linea guida cui si attengano i consiglieri di amministrazione, la direzione generale, i direttori di reti e testate, a partire dalle nomine dei prossimi ruoli dirigenti. Nel concreto si chiede 1) di recepire l’Atto di indirizzo della Commissione parlamentare di Vigilanza del 30 luglio 1997 che invitava la Rai a promuovere iniziative all'interno della Rai per l'acquisizione di potere e responsabilita' da parte delle donne; 2) di dar seguito alla delibera del Cda Rai del maggio 2003 sulla rappresentazione delle donne in Tv che chiedeva di esaltarne “il ruolo nella societa', evitando immagini e argomenti ritenuti offensivi della dignita”; 3) di istituire Osservatorio di parita' col duplice obiettivo di monitorare costantemente le progressioni di carriera delle lavoratrici e delle giornaliste Rai e monitorare quale immagine della donna fornisce la produzione del servizio pubblico; 4) che il Cda dia mandato alla Direzione generale per aprire un tavolo con le rappresentanze femminili dell’azienda al fine di recepire queste richieste e di stabilire regole certe che garantiscano alle donne il giusto riconoscimento nelle carriere. Commissione Pari Opportunita’ Usigrai Roma, 14 marzo 2006

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più