CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Lo striscione che chiede #veritàpergiulioregeni esposto fuori dalla sede della Fnsi a Roma
Iniziative 21 Giu 2016

Verità per Giulio Regeni, a 5 mesi dalla scomparsa Amnesty international lancia una nuova twitter action

Il 25 giugno saranno trascorsi cinque mesi dalla scomparsa di Giulio Regeni in Egitto e la verità sulla sorte toccata al giovane ricercatore italiano appare ancora lontana. Il 25 e 26 giugno si celebrerà anche la Giornata internazionale per le vittime della tortura. In occasione della doppia ricorrenza, Amnesty international lancia una nuova iniziativa: una twitter action per chiedere #veritàpergiulioregeni.

Il 25 giugno saranno trascorsi cinque mesi dalla scomparsa di Giulio Regeni in Egitto e la verità appare ancora lontana. Una ricorrenza che Amnesty international, da subito schierata per chiedere verità sulla sorte toccata al giovane ricercatore italiano, non intende lasciar passare sotto silenzio.

«Sono stati cinque mesi di depistaggi e menzogne da parte del governo egiziano e di prese di posizione incerte, alternate a lunghi silenzi da parte di quello italiano. Cinque mesi durante i quali – si legge sul sito internet della sezione italiana dell’associazione – la società italiana si è mobilitata chiedendo a gran voce #veritàpergiulioregeni e oltre 400, tra enti locali, media, università e associazioni, oltre a tantissimi cittadini e cittadine, hanno aderito alla campagna che abbiamo lanciato insieme al quotidiano La Repubblica».

Ma il 25 e il 26 giugno si celebra anche la Giornata internazionale per le vittime della tortura: una doppia ricorrenza in occasione della quale Amnesty international lancia una nuova iniziativa per riportare l'attenzione sul caso Regeni con una grande mobilitazione online. Una twitter action per far sapere al presidente del Consiglio Renzi e al ministro degli Affari esteri Gentiloni che «siamo in tanti – spiega Amnesty international – a non aver dimenticato Giulio e che si può e si deve fare di più per arrivare alla verità».

Perentoria la risposta del presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti, affidata – appunto – ad un “cinguettio”: @amnestyitalia Ci saremo #veritápergiulio #25e26giugno.

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più