CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Un momento del flash mob per la Gazzetta del Mezzogiorno
Un momento del flash mob per la Gazzetta del Mezzogiorno
Un momento del flash mob per la Gazzetta del Mezzogiorno
Un momento del flash mob per la Gazzetta del Mezzogiorno
Un momento del flash mob per la Gazzetta del Mezzogiorno
Un momento del flash mob per la Gazzetta del Mezzogiorno
Un momento del flash mob per la Gazzetta del Mezzogiorno
Vertenze 04 Ott 2021

'Giù le mani dalla Gazzetta del Mezzogiorno', flash mob dei giornalisti davanti al Tribunale di Bari

Il presidio in concomitanza con l'udienza sull'assegnazione della testata. In piazza Fnsi, Assostampa e Odg Puglia. «Auspichiamo che oggi venga messo un punto fermo in questa vicenda, l'unico obiettivo deve essere quello di riportare il giornale in edicola», ha ribadito il segretario generale Raffaele Lorusso.

«Auspichiamo che oggi venga messo un punto fermo in questa vicenda che sta durando da troppo tempo, perché l'unico obiettivo deve essere quello di riportare il giornale in edicola e quindi di consentire a chi se lo aggiudicherà di riaprire l'impresa». Lo dichiara il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, partecipando al flash mob organizzato dai giornalisti de La Gazzetta del Mezzogiorno davanti al palazzo di giustizia di piazza de Nicola, a Bari, dove oggi si tiene l'udienza all'esito della quale il Tribunale fallimentare dovrebbe stabilire chi sarà il futuro editore della testata (la proposta della società Ecologica ha ottenuto il voto dei creditori, ma la concorrente Ledi si è opposta all'omologa).

All'udienza, oltre agli avvocati delle due società, Ecologica e Ledi, partecipa la Procura di Bari, che nel maggio 2020 ha chiesto il fallimento della società editrice e proprietaria della Gazzetta del Mezzogiorno. In aula ci sono il procuratore Roberto Rossi con i sostituti Lanfranco Marazia e Luisiana Di Vittorio.

Nel sit-in i giornalisti, con uno striscione sul quale è scritto "Giù le mani da La Gazzetta del Mezzogiorno", assieme con Fnsi, Assostampa e Ordine dei giornalisti della Puglia chiedono non soltanto al Tribunale che «si faccia presto», ma tornano a criticare l'iniziativa imprenditoriale di Ledi che nei giorni scorsi ha registrato il marchio de "La Nuova Gazzetta di Puglia e Basilicata". (Ansa – Bari, 4 ottobre 2021)

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più