CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Il commissario Ue Thierry Breton (Foto: ec.europa.eu)
Internazionale 05 Mag 2021

Efj: «La Ue dia vita ad un ambizioso Media Freedom Act»

L'idea avanzata dai commissari Breton e Jourova trova il favore dei rappresentanti dei giornalisti europei, che ritengono vi sia «urgente necessità» di sviluppare nuovi meccanismi in grado di aumentare la trasparenza, l'indipendenza e la responsabilità intorno alle azioni che incidono sulla libertà di informazione.

La Federazione europea dei giornalisti (Efj) si unisce ai partner di Media Freedom Rapid Response (MFRR) nell'accogliere «con favore» l'idea di una legge europea sulla libertà dei media, avanzata di recente dai commissari europei Thierry Breton e Vera Jourova. «Negli ultimi anni – si legge sul sito web della Efj – i governi di un numero limitato ma crescente di Stati membri hanno abusato del loro potere per punire i media critici, aumentare il controllo sul servizio pubblico, intensificare le pressioni sugli organi di informazione».

In effetti, spiega la Efj, «riteniamo che vi sia un'urgente necessità di sviluppare nuovi meccanismi che possano "aumentare la trasparenza, l'indipendenza e la responsabilità intorno alle azioni che incidono sul controllo e sulla libertà di informazione", come affermato dal Commissario Breton al Parlamento europeo. E, in particolare, il diritto dell'Ue dovrebbe considerare i media non solo come attori economici, ma riconoscere il giornalismo indipendente come un bene pubblico che deve essere tutelato».

Un'azione efficace «contro le sistemiche pressioni della politica sui mezzi di comunicazione richiederà sia strumenti solidi che responsabilizzino l'Ue, sia il coraggio politico di dispiegarli. Esortiamo le istituzioni europee ad essere ambiziose al riguardo», prosegue la Efj, che auspica: «Durante il processo di elaborazione, dovrebbero consultarsi frequentemente con le associazioni dei giornalisti e le organizzazioni della società civile che operano sia a livello locale che europeo, per garantire che il meccanismo risultante sia uno strumento efficace in grado di affrontare il progressivo indebolimento della libertà dei media negli Stati membri interessati. Siamo pronti a contribuire a questa iniziativa».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più