CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
La conduttrice di 'Storie Italiane', Eleonora Daniele (Foto: @storie_italiane)
Minacce 28 Gen 2021

Roma, altri tre arresti per l'aggressione alla troupe di 'Storie Italiane'. Fnsi e Usigrai: "Una buona notizia"

Ai domiciliari esponenti di spicco della tifoseria laziale, componenti del gruppo accusato di aver preso a calci e pugni, il 20 dicembre 2020, il cameraman della trasmissione Rai condotta da Eleonora Daniele. Due misure cautelari erano state già eseguite lo scorso 13 gennaio.

La Digos della Questura di Roma e i Carabinieri della Compagnia Roma Trionfale hanno dato esecuzione, giovedì 28 gennaio, alla misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di altre tre persone, anch'esse esponenti di spicco della tifoseria ultra laziale, componenti del gruppo accusato di aver aggredito, lo scorso 20 dicembre, una troupe della Rai.

L'aggressione era scaturita da alcune riprese che gli operatori stavano effettuando a Ponte Milvio sulla contingenza pandemiologica per conto della popolare trasmissione televisiva 'Storie Italiane' condotta da Eleonora Daniele. Infastidito dalla presenza della telecamera, il gruppo, composto da circa 10 persone, ha aggredito la troupe scagliandosi, in particolare modo, contro il cameraman che è stato inseguito e ripetutamente colpito con calci e pugni.

Si è conclusa così una complessa attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma e condotta dai Carabinieri dalla Compagnia Roma Trionfale e dalla Digos della Questura di Roma e che solamente lo scorso 13 gennaio aveva visto finire ai domiciliari due componenti del branco noti per l'appartenenza al contesto ultras laziale.

«Una buona notizia», commentano Fnsi e Usigrai che, nell'esprimere solidarietà  e vicinanza a Eleonora Daniele, ai colleghi della troupe colpita e a tutta la redazione di 'Storie Italiane', augurano che «questa sia la prima di una lunga serie di azioni tese a colpire chi ostacola e 'molesta' il diritto di cronaca con l'obiettivo di impedire ai cittadini di essere informati».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più