CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Il giornalista Michele Sardo, direttore di 'PalermoLive'
Minacce 27 Ott 2021

Aggredito il direttore di 'PalermoLive' Michele Sardo. La solidarietà di Assostampa Sicilia e Assostampa Palermo

Dopo essere stato assalito mentre documentava un incendio nel capoluogo, al giornalista è stato sottratto il telefonino. Strattonato e picchiato, ha perso i sensi ed è stato soccorso dal 118. Il sindacato: «Fare piena luce sugli autori di questo fatto tanto increscioso quanto pericoloso».

«Ancora una aggressione ai danni di un cronista che svolge il suo lavoro. Michele Sardo, responsabile di “PalermoLive”, è finito in ospedale ieri, 26 ottobre 2021, dopo essere stato assalito mentre documentava un incendio nei pressi di un distributore di benzina in piazza Ottavio Ziino a Palermo. Gli è stato sottratto il telefonino. È stato strattonato e picchiato. Ha perso i sensi ed è stato soccorso dal 118». Lo denunciano l'Assostampa Sicilia e l'Assostampa Palermo che, in una nota congiunta, chiedono alle Forze dell’ordine di individuare i responsabili di questi atti violenti e ingiustificabili.

«I giornalisti – si legge nel comunicato – hanno il diritto-dovere di raccogliere le notizie. Intervengono sui fatti di cronaca, così come avviene ad altre categorie: vigili urbani, operatori sanitari, polizia e carabinieri. Anche i cronisti svolgono un servizio pubblico. È intollerabile che avvengano queste aggressioni che mirano a limitare la libertà di informazione. Speriamo che gli investigatori facciano piena luce sugli autori di questo fatto tanto increscioso quanto pericoloso».

Assostampa Sicilia e Assostampa Palermo «esprimono solidarietà al collega e chiedono una maggiore vigilanza e tutela da parte delle Forze dell’ordine». Anche per questo motivo, il segretario regionale Roberto Ginex si è già messo in contatto con il capo di gabinetto del prefetto di Palermo Giuseppe Forlani per chiedere attenzione e valutare ogni iniziativa a tutela dei giornalisti palermitani impegnati nel raccontare i fatti di città e provincia.

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più