CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Il fotoreporter Bulent Kilic (Foto: @CoEMediaFreedom)
Internazionale 29 Giu 2021

Turchia, proteste a Istanbul e Ankara contro l'arresto violento del fotoreporter Bulent Kilic

Il pluripremiato fotografo dell'Afp bloccato a terra dagli agenti mentre seguiva la repressione della manifestazione del Pride lgbti+ nella metropoli sul Bosforo. È stato poi trattenuto in caserma per alcune ore.

Decine di giornalisti e attivisti hanno manifestato a Istanbul e Ankara contro il trattamento shock della polizia turca nei confronti del pluripremiato fotogiornalista turco dell'Agenzia France Press (Afp) Bulent Kilic, bloccato con violenza mentre seguiva sabato scorso la repressione della manifestazione del Pride lgbti+ nella metropoli sul Bosforo, vietato dalle autorità per il settimo anno consecutivo.

Le immagini degli agenti che lo hanno bloccato a terra, schiacciandone il collo e la schiena mentre il reporter denunciava di non riuscire a respirare, in una dinamica che ha ricordato l'uccisione di George Floyd, hanno fatto il giro dei social e dei media di opposizione in Turchia, scatenando forte indignazione.

Kilic, poi trattenuto per alcune ore in caserma, ha sporto denuncia per "arresto violento". La Afp ha sollecitato a sua volta un'inchiesta per accertare le responsabilità nell'accaduto.

Le autorità devono «dare istruzioni chiare alle forze di sicurezza perché mettano fine a queste pratiche inaccettabili e ingiuste, prima che sia troppo tardi», ha dichiarato il rappresentate in Turchia di Reporters sans Frontières (Rsf), Erol Onderoglu. Nella graduatoria sulla libertà di stampa dell'organizzazione, la Turchia è al 153/mo posto su 180 Paesi, con centinaia di giornalisti arrestati negli ultimi anni, prima e dopo il fallito golpe del 2016. (Ansa).

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più