CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Lavoro autonomo 14 Dic 2012

Il Parlamento riconosce il valore del lavoro autonomo ma gli editori no, e trasformano i cococo in partite Iva

“Nel momento in cui il Parlamento riconosce il valore del lavoro autonomo giornalistico con l’approvazione della legge sull’equo compenso, gli editori prendono al balzo i contenuti controversi della riforma “Fornero” per  violare ulteriormente la legge portando avanti la trasformazione delle collaborazioni coordinate continuative in partita iva costringendo i giornalisti autonomi a subire ulteriori ingiustizie retributive e soprattutto previdenziali.

“Nel momento in cui il Parlamento riconosce il valore del lavoro autonomo giornalistico con l’approvazione della legge sull’equo compenso, gli editori prendono al balzo i contenuti controversi della riforma “Fornero” per  violare ulteriormente la legge portando avanti la trasformazione delle collaborazioni coordinate continuative in partita iva costringendo i giornalisti autonomi a subire ulteriori ingiustizie retributive e soprattutto previdenziali.

Tutto ciò avviene con il dichiarato obiettivo di risparmiare mentre si liquidano buonuscite milionarie -  come è accaduto al “Corriere della Sera” – a manager i cui risultati di gestione sono palesemente negativi.
La Fnsi non intende tollerare una simile situazione ed è già intervenuta nei confronti del Ministero del Lavoro chiedendo che si attuino le necessarie modifiche e chiarimenti delle norme al fine di impedire operazioni che ledono, ancora una volta, la dignità del lavoro autonomo”.

 

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più