CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Lavoro autonomo 26 Ott 2015

Garanzia giovani, Adepp e Regione firmano un nuovo protocollo per i professionisti calabresi

Adepp e Regione Calabria hanno firmato oggi un nuovo protocollo in favore dei giovani professionisti della regione che andrà ad operare nell’ambito del programma "Garanzia Giovani" con l’intento di fornire supporto a quanti sono interessati al percorso dell’autoimprenditorialità. "Oggi – ha rilevato il presidente dell’Adepp, Andrea Camporese – c’è la necessità di diffondere la cultura dell'accesso ai bandi e agli strumenti a disposizione dei liberi professionisti".

Adepp e Regione Calabria hanno firmato oggi un nuovo protocollo in favore dei giovani professionisti della regione che andrà ad operare nell’ambito del programma "Garanzia Giovani" con l’intento di fornire supporto a quanti sono interessati al percorso dell’autoimprenditorialità. "Oggi – ha rilevato il presidente dell’Adepp, Andrea Camporese – c’è la necessità di diffondere la cultura dell'accesso ai bandi e agli strumenti a disposizione dei liberi professionisti".

Adepp, l'Associazione che riunisce gli enti di previdenza dei professionisti, e Regione Calabria hanno firmato oggi un protocollo che, nell'ambito del programma "Garanzia Giovani", mira a guidare i giovani professionisti e i giovani laureandi della regione lungo i percorsi dell'autoimprenditorialità, con l'Associazione che metterà a disposizione dell'amministrazione regionale il lavoro già avviato grazie al precedente accordo in materia sottoscritto con il ministero del Lavoro.
"Per me è un giorno importante - spiega l'assessore calabrese al welfare e alle politiche giovani, Federica Roccisano - perché dà un senso a quello che la Regione vuole fare per i giovani: vogliamo dare uno strumento a tutti per riuscire a dare avvio ad uno studio professionale e per iniziare dallo stesso punto di partenza perché è indubbio che non tutti partono dal punto zero. Garanzia Giovani è uno strumento tagliato per questa finalità, tanto da aver favorito un ripensamento su come devono essere e sono i centri per l'impiego. Oggi è il luogo dove il giovane va e cerca di capire cosa può fare, dove c'è qualcuno che gli fa il profiling e gli fa capire le sue attitudini e lo sostiene nel percorso".
D'accordo il presidente dell'Adepp, Andrea Camporese, che denuncia come "oggi ci sia la necessità di diffondere una cultura dell'accesso ai bandi e agli strumenti esistenti".
"Il mercato del lavoro - sottolinea Camporese - è sempre più discontinuo e per questo va attorniato da una serie di misure. Qualcosa sta cambiando, è evidente che il ciclo economico stia migliorando ma nei prossimi mesi e nei prossimi anni dobbiamo avere la responsabilità di creare un territorio migliore. Non è accettabile che un professionista che si è laureato e ha superato l'esame per essere iscritto all'ordine di categoria non abbia gli strumenti per vincere la sfida del lavoro, che non possa accedere a quella formazione necessaria per affrontare e cercare nuovi mercati. Il protocollo d'intesa firmato oggi va in questa direzione e sono convinto che farà da apripista ad altri protocolli con altre Regioni".

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più